Verbale n. 36

Seduta del 12.10.2004

 

L’anno 2004, il giorno 12 del mese di ottobre alle ore 15:00 si riunisce, regolarmente convocato, presso la sala riunioni situata al IV piano, il Comitato Tecnico Scientifico (CTS) della Biblioteca di Area Tecnico-Scientifica (BATS).

 

Risultano presenti:

 

 

Risultano assenti:

 

 

Alle ore 15:40, constatata la presenza del numero legale, il Decano dichiara aperta la seduta.

 

Gli argomenti all’ordine del giorno sono:

 

  1. Presentazione delle candidature
  2. Nomina della Commissione elettorale
  3. Costituzione del seggio

 

  1. Presentazione delle candidature

 

Il Decano fa presente che l’unica candidatura finora pervenuta è quella di Ingrid Carbone e chiede se vi siano altre candidature. Verificata l’inesistenza di altre candidature e mancando considerazioni preliminari da parte dei presenti dà la parola al Presidente uscente Dott.ssa Carbone che presenta sinteticamente il suo programma. Detto programma è stato inviato con congruo anticipo a tutti i componenti del CTS della BATS e viene allegato al presente verbale.

Secondo il Prof. Neve, che prende la parola subito dopo, aver eliminato nel nuovo Regolamento di funzionamento e gestione della BATS qualsiasi accenno all’autonomia amministrativa è stato forse sbagliato perché rende più difficile la possibilità di una futura modifica dello Statuto in tal senso. Fa rilevare che i problemi principali nel funzionamento della BATS sono di natura amministrativa e afferma che il Dipartimento di Chimica conta molto su un riordino amministrativo della stessa. Suggerisce di proporre modifiche di Statuto che vadano nella direzione dell'autonomia amministrativa per l'intero Sistema Bibliotecario d'Ateneo con la creazione di una direzione amministrativa unica per tutte e tre le attuali biblioteche, che potrebbero però continuare ad avere autonomia funzionale. Chiede, inoltre, per quale motivo nel programma del candidato non viene indicato il nome di un vice-presidente considerato che lo stesso Presidente aveva fortemente caldeggiato l’introduzione di tale figura nella stesura del nuovo Regolamento.

Interviene il Prof. D’Elia che dice di non poter esprimere pareri sul pregresso, in quanto di nomina recente, ma trova interessante il programma presentato e dichiara la volontà del Dipartimento che rappresenta di essere più presente, rispetto al passato, nella conduzione della BATS.

Il Prof Aloi precisa di non conoscere, per esperienza diretta, i problemi del passato e afferma esservi un’insufficiente chiarezza sulle modalità di realizzazione del programma.

Il Prof. Formisani si scusa di non aver partecipato attivamente negli ultimi tempi al CTS, in quanto oberato da notevoli impegni didattici. Apprezza il fatto che il programma sia stato inviato in tempo utile per una riflessione precedente alle operazioni elettorali e ne condivide, in linea generale, i contenuti. Esprime però dei rilievi sul modo in cui si vogliono affrontare le questioni ancora aperte e mostra delle perplessità sul fatto che si sia rinunciato all’autonomia amministrativa.

 

La Dott.ssa Carbone fa presente che il problema dell’autonomia amministrativa è stato oggetto di discussione del primo CTS da Lei presieduto. In tale CTS è emerso che:

·       l’autonomia amministrativa poteva essere richiesta solo dopo tre anni di vita della struttura;

·       istituzionalmente nelle biblioteche non è prevista la presenza di personale amministrativo. Esistono casi (come nella BAU) in cui dipendenti appartenenti all’Area Amministrativa ma in servizio da molto tempo in biblioteca sono stati richiamati all’Amministrazione Centrale;

·       tra i dipendenti della BATS nessuno ha i requisiti per svolgere detta funzione (laurea in giurisprudenza o scienze economiche);

·       il Direttore Amministrativo, in un incontro con il CTS aveva dichiarato espressamente che l’Amministrazione non poteva, comunque, fornire un segretario amministrativo per carenza di personale di tale qualifica;

·       attualmente esistono difficoltà a gestire persino la sola parte dell’iter amministrativo di competenza della Biblioteca e quindi non è pensabile nell’immediato sovraccaricarsi anche della parte attualmente svolta dagli uffici dell’Amministrazione Centrale; la gestione in proprio di una contabilità di  oltre un milione di euro all’anno è particolarmente complessa.

·       anche le altre due biblioteche d’Area hanno rinviato ogni decisione in merito all’autonomia.

 

In risposta al Prof. Neve il Presidente uscente fa presente che la più recente delibera del CTS è stata quella di rinviare ogni decisione sull’autonomia amministrativa, senza per altro rinunciarvi definitivamente, e che non è assolutamente contraria a una futura ristrutturazione del sistema amministrativo delle tre biblioteche di area.

Per quanto riguarda la mancata designazione del Vice-Presidente chiarisce che, con la collaborazione del Direttore f.f., era venuta a cessare la necessità di tale figura particolarmente avvertita nei primi mesi del suo incarico. D’altra parte vi è stato un ricambio dei componenti del CTS che ne ha reso meno facile l’individuazione.

Afferma di apprezzare la disponibilità del Prof. D’Elia di impegnarsi attivamente nei lavori del nuovo CTS. Si rammarica del fatto che nel precedente CTS la rappresentanza del dipartimento di Pianificazione Territoriale sia stata dimezzata in quanto è stato presente solo l’Ing. Pellegrini di cui ha apprezzato invece il significativo apporto.

In risposta al Prof. Aloi fa presente che intende far partecipe di tutte le problematiche il CTS come in passato e che le decisioni verranno prese in quella sede. In merito alle modalità di risoluzione dei problemi, informa il collega che alcune sono già state individuate dal CTS, mentre altre sono ancora in discussione.

Al Prof. D’Elia risponde che l’affermazione, contenuta nel programma di voler confermare le commissioni interne nominate dal precedente CTS va considerata come un invito a conservare le commissioni ma non necessariamente i componenti.

 

Riprende la parola il Decano per chiedere al candidato di spiegare i criteri di  ripartizione delle risorse economiche della BATS tra i vari dipartimenti. Per quanto riguarda, invece, la designazione del Vice-presidente esprime l’opinione che il nuovo Regolamento sia effettivamente vincolante. Apprezza comunque il fatto che non sia stata fatta alcuna indicazione in fase pre-elettorale.

Interviene il Sig. Lavorato che fa rilevare come, nel programma presentato dal candidato Presidente, il personale tecnico non viene trattato con la dovuta considerazione. Non si tiene conto del grande apporto dato dal personale alla nascita della BATS.

 

Il Presidente uscente risponde che non era sua intenzione sottovalutare il ruolo del personale ma intendeva solo sottolineare che l’assenza operativa del precedente Direttore aveva disorientato e demotivato parte del personale stesso.

In merito alla richiesta del Decano sulla ripartizione fondi, fa presente che fino ad oggi si è proceduto al rinnovo di tutti gli abbonamenti attivi nel 2001 nei dipartimenti, che per l’acquisto libri i pochi fondi designati sono stati divisi secondo i pesi (posseduto bibliografico) sempre del 2001 e che la ripartizione in generale, soggetta a verifica biennale, viene fatta secondo la formula Danieli del 1988, omai anacronistica e da rivedere.

 

Prende la parola il Dott. Golemme per ribadire l’appoggio al candidato di cui apprezza il lavoro svolto in qualità di Presidente.

 

Non essendoci altri interventi, il Decano propone di passare al successivo punto dell’ordine del giorno.

 

 

  1. Nomina della Commissione elettorale

 

Tenendo conto delle disponibilità dei presenti, il CTS nomina la seguente Commissione Elettorale:

 

Dott.ssa Liliana Bernardo  - presidente

Sig. Rosario Stillo              - componente

Dott.ssa Dora Garropoli     - segretario.

 

 

  1. Costituzione del seggio

 

Alle ore 17:10 si costituisce il seggio elettorale.

 

Il Decano ringrazia i colleghi per la loro disponibilità. Dichiara inoltre che non parteciperà alla votazione in quanto legato affettivamente alla candidata.

Il Decano ricorda che il seggio resterà aperto fino alle ore 20, per essere riaperto la mattina dopo alle 9. Le operazioni di voto si concluderanno alle ore 13 del giorno 13 e lo scrutinio seguirà immediatamente dopo.

L’eventuale secondo turno di votazione è indatto per il giorno 15 ottobre (con apertura del seggio dalle 9 alle 19) e l’eventuale ballottaggio è indetto per il giorno 19 (con apertura del seggio dalle 9 alle 19). Lo scrutinio avverrà immediatamente dopo la conclusione delle votazioni.

 

Non essendoci altro da deliberare, la seduta è tolta alle ore 17:14.

 

 

       Il Segretario verbalizzante                                                                     Il Decano

       (Dott.ssa Dora Garropoli)                                                   (Prof. Aljosa Volcic)

 

 

ALLEGATO 1